Centri di Consulenza Tiflodidattica

AssisiFoggiaPadovaPalermoRutigliano (BA)

Gli altri Centri di Consulenza Tiflodidattica in Italia

Cosa sono

I Centri di Consulenza Tiflodidattica nascono dalla volontà di far confluire presso un punto di riferimento visibile le risorse didattiche e tiflopedagogiche da offrire agli alunni, alle famiglie, agli insegnanti e a quanti operano nell’ambito dell’integrazione scolastica.
Presso i Centri è possibile visionare ed apprendere le modalità di utilizzo della maggior parte dei sussidi didattici e informatici prodotti per i non vedenti, oltre a ricevere indicazioni bibliografiche e di metodo riguardanti il settore tiflologico. I Centri di Consulenza quindi hanno la finalità di promuovere e guidare alla conoscenza e alla scelta del materiale tiflodidattico e facilitare il processo di integrazione educativa della persona minorata della vista, in famiglia, nella scuola, sul territorio attraverso un’azione di consulenza, di formazione e di informazione.

Presso il Centro sono visionabili sussidi per ogni ordine di scuola dalla scuola materna alle superiori, nei vari ambiti disciplinari: area linguistica, logico matematica, area della rappresentazione spaziale e dell’orientamento, area tecnico-espressiva, nonché materiale ludico e plastici per lo studio della geografia, storia dell’arte, discipline scientifiche.

Il Centro si pone perciò come punto di riferimento affidabile per i genitori, gli insegnanti e gli operatori e agisce collegandosi in sinergia con le altre istituzioni, enti e associazioni chiamate in causa dalla minorazione visiva.


Cosa fanno

I Centri hanno il compito di svolgere un servizio dinamico ed itinerante al fine di facilitare la comprensione dei problemi reali dell’alunno minorato visivo. In particolare essi operano per i raggiungimento dei seguenti obiettivi:

Facilitare la comprensione del bisogno aiutando l’educatore a valutare più realisticamente i limiti e le potenzialità del bambino minorato della vista sia dal punto di vista clinico che pedagogico.
Orientare la programmazione dell’itinerario educativo, sia in famiglia sia a scuola, nel rispetto delle caratteristiche specifiche dell’alunno e di quelle tiflologiche.
Guidare la scelta dei sussidi didattici più opportuni.

Il servizio che il Centro vorrebbe offrire è un’attività di consulenza e informazione che agevoli la comprensione dei bisogni dell’alunno minorato della vista, delle sue oggettive difficoltà, ma anche delle sue potenzialità e risorse, in modo da orientarne il percorso educativo: troppo spesso questo percorso è reso ancor più faticoso dalla comprensibile angoscia, dallo scoraggiamento dei familiari, dalla necessità di informazione e formazione delle figure che operano nell’ambito della scuola, dalla disorientante e disorganica complessità delle strutture che hanno il compito di assistere la persona minorata della vista nelle sue necessità e di garantirla nei suoi diritti